Comune di Fasano (BR)

Mostra dell'Artigianato Fasanese

Guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Fasano - La Città
Ti trovi in: Home » La Citta' » Mostra dell'Artigianato Fasanese
LIBER
Albo Comunale delle Associazioni
Orizzonte 360
Fasano Jazz
La Bibiloteca che vorrei
Suet
Bandiera blu
4 vele legambiente 2017
bandiera verde
città olio
You Tube
Protezione Civile
tradeco
..

logo 46

Mostra dell'Artigianato. Quarantasei anni di storia.

Da quarantasei anni in vetrina gli artigiani fasanesi. Un traguardo prestigioso!
Correva l’anno 1950 ed era sindaco di Fasano donna Maria Chieco Bianchi. L’artigianato fasanese, dopo la seconda guerra mondiale, sebbene conservasse il primato di affermazioni in Puglia, fuori regione e all’estero, risentì della crisi generale. La produzione di massa con prodotti scadenti cominciò a suggellarne la decadenza. Pertanto gli artieri di Fasano, con l’aiuto delle forze locali, regionali e nazionali, rilanciarono l’immagine di un rilevante settore produttivo con la prima mostra artigiana. Promotore fu l’avvocato Aquilino Giannaccari. Il manifesto fu affidato a Bepi Russi. Il 15 giugno 1950, presso l’edificio delle scuole elementari di largo Fogge, si celebrò il battesimo della prima Mostra dell’Artigianato Fasanese, inaugurata dal ministro Petrilli e dal segretario generale dell’artigianato italiano, dott. Germozzi. I mass media diedero rilievo all’avvenimento e la Rai (Radio italiana, sede di Bari) tenne trasmissioni giornaliere per informare della rassegna.
In quel periodo, fu coltivato il sogno di edificare in loco una cittadella artigiana. Sogno miseramente abortito per mancanza di fondi.
Negli anni successivi si susseguirono altre edizioni. Nel tempo la vetrina artigianale si trasferì da Fasano alla Selva, e si tenne in piena estate nel Palazzo dei Congressi. La collina silvana, infatti, stava vivendo negli anni Sessanta un momento aureo di grande richiamo turistico. Giungevano forestieri da ogni parte d’Italia e non solo. Alla Casina Municipale si esibirono Romano Mussolini, Fausto Papetti, Mina, Milva e, perfino, il mitico Lucio Battisti.
In seguito, sorsero problemi di natura economica e ad aggravare la situazione ci pensò il lungo restauro del Palazzo dei Congressi. Molte edizioni della kermesse saltarono.
La Selva si avviò verso il viale del tramonto e gli artieri di Fasano non ebbero la capacità di unirsi in cooperative per debellare la discesa dell’artigianato.
Quando la mostra riaprì i battenti, le edizioni, svuotate dell’habitus iniziale, apparvero opache. Nell’edizione 2012, furono evidenti i segnali di ripresa, grazie all’impegno, alla caparbietà e alla determinazione dell’assessore alle Attività produttive. Il 2013 segnerà una svolta epocale nella storia della rassegna, in cui tutto sarà proiettato nel futuro occupazionale dei giovani, con lo sguardo al passato, protagonista nella sezione “Il Museo dell’Artigianato Fasanese” all’interno della mostra. Altra novità il connubio tra artigianato e agricoltura, con la presenza del marchio De.c.o. (denominazione di origine comunale) assegnato all’olio extravergine d’oliva, al fiorone, al cocomero barattiere, al pomodoro della regina e alla cima di rapa.
Presto il medesimo marchio si estenderà ad alcuni settori artigianali. 
(prof.ssa Palmina Cannone, storica e studiosa del costume e delle tradizioni locali)

comunicato stampa

layout della 46esima edizione

Comune di Fasano - Piazza I. Ciaia - 72015 Fasano (BR) - P.I. 00182990747 - C.F. 81001370741 -
Telefono +39.080.4394111 Fax +39.080.4394194 - PEC comunefasano@pec.rupar.puglia.it
Privacy - Note legali - Responsabile del procedimento di pubblicazione - Accessibilità - IBAN - Feed RSS
Il portale del Comune di Fasano è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Fasano (BR) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it