Home » Documentazione » Notizie » lettura Notizie

Notizie

Sospensione dei lavori nei cimiteri cittadini, in occasione della commemorazione dei defunti anno 2020.

info sito
lun 26 ott, 2020

IL DIRIGENTE del Settore Servizi Demografici, il dott. Giuseppe Carparelli,

VISTO l'art. 53 comma 6 del vigente “Regolamento comunale di polizia mortuaria” (adottato con Delibera n. 19 del 3/06/2016 dal Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale), che prevede:

 

 “È comunque vietato introdurre materiale o eseguire qualsiasi lavoro all'interno dei cimiteri nelle giornate comprese fra il 28 ottobre ed il 5 novembre. I lavori in corso devono essere sospesi e i luoghi interessati completamente riordinati prima del 28 ottobre di ogni anno.”

AVVISA

A decorrere da mercoledì 28 OTTOBRE e fino a giovedì 5 NOVEMBRE 2020 sono sospesi tutti i lavori di costruzione, di manutenzione ordinaria e straordinaria a sepolture private di ogni tipo nei cimiteri cittadini.

Le imprese che hanno in corso tali lavori devono provvedere alla sistemazione dei materiali, e alla rimozione dal cimitero delle macerie, della sabbia, ghiaia, terra, calce, ecc. in modo da lasciare le aree adiacenti alle sepolture private in condizioni di ordinato decoro.

Le imprese avranno altresì cura di asportare dal cimitero le tavole, pali, cavalletti, ecc., nonché tutte le attrezzature del cantiere.

È sospesa inoltre l'autorizzazione alla circolazione dei veicoli delle imprese all'interno dei Cimiteri e sono vietati l'asportazione e l'introduzione di lapidi, marmi, lastre, vetri, ecc.

RENDE NOTO

che l’art. 74 del “Regolamento comunale di polizia mortuaria”, intitolato Sanzioni, dispone:

1. Per le violazioni delle disposizioni diverse rispetto a quelle contenute nella L. R. n. 34/2008, nel Regolamento Regionale n. 8/2015, salvo che il fatto non costituisca reato e qualora non contemplate nel D. Lgs. n. 186/2012, si applica la sanzione amministrativa, ai sensi art. 7 bis del D.Lgs. 267/2000, di € 200,00 per ogni violazione del presente Regolamento.

Condividi