Archivio immagini

  foto 1

 

Il calzolaio Diomede Rosati lavora sull’uscio della sua bottega in corso Perrini ang. via Sibilio. A sinistra, l’amico carrettiere Francesco Pezzolla alias Quaglia Quàglie.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 2

 

 

Il rinomato calderaio Vito Olive, meglio conosciuto come Vetücce u Calläre, batte il rame davanti al suo laboratorio in via Taranto, oggi Nazionale dei trulli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 3

 

 

Un giovane fabbro fasanese intento al suo lavoro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 4

 

 

Un espertissimo maestro fesculäre (funaio).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 5

 

Il carradore Donato Fanizza (alias don Rocco) insieme a un piccolo apprendista fabbro, Donato Amati.

 

 

 

 

  foto 6

 

 

 

Pietro Amati alias Mèst Pite u Galettäre, stimato maestro mastellaio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 7

 

 

Il maestro funaio Donato Musa dinanzi alla bottega in via Meucci. Era molto stimato dai suoi clienti per la qualità dei suoi manufatti.

 

 

 

foto 8

 

 

Manufatti dell’eccellente maestro carradore Ignazio Caramia, uomo eclettico e versatile, e della rinomata Ditta Angelo Lombardi.

 

 

 

foto 9

Il carradore Vito Fanizza (primo a sinistra) davanti alla pettìche (bottega) in via Taranto, oggi via Nazionale dei trulli, dopo il suo ritorno da Valona (Albania), dove aveva lavorato in una fabbrica di carri militari. I due operai che lo aiutano a sistemare le ruote di un traino sono Giuseppe Pagnelli e (a destra di spalle) e Angelo Ancona (chino al centro).

 

foto 10

 

Un artiere fasanese presente alla prima Mostra dell’Artigianato Fasanese, nel 1950.

 

 

 

 

foto 11

 

 

 

 

Una cucina economica realizzata dalla Ditta Natale Carparelli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto 12

    

 

 

 

 

 

 

Finimenti per la bardatura del cavallo del sellaio Giovanni Lippolis.

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

foto 13

 

 

 

La Ditta F. Legrottaglie Elettricità, presente alla 1ª Mostra Artigiana nel 1950.

 

 

 

 

foto 14

  

Tappeto creato dalle sorelle Palmina e Anna Ancona per la 1ª Mostra dell’Artigianato Fasanese .

 

 

 

 

foto 15

 

Stand di Mimì Schiavone, figlia del noto pittore fasanese Ferdinando Schiavone.

 

 

 

 

Le foto e le didascalie sono tratte dal volume di Palmina Cannone Raccontando Fasano. Artigianato Personaggi Tradizioni, Schena Editore, 1998, e ne è vietata la riproduzione

Condividi
  • Archivio immagini